Pubblicato il: 03/03/15 | Ricontrollato il:

I computer di ultima generazione sono già abbastanza veloci, ma con l'andare del tempo potrebbero presentarsi dei rallentamenti e potrebbe essere necessario fare alcune pulizie di manutenzione per farlo tornare alle origini, oppure apportare modifiche per renderlo ancora più veloce.

Esistono diversi metodi sia per far tornare il PC come nuovo sia per velocizzare Windows ulteriormente. E' possibile quindi sfruttare tutti i passaggi (in ordine è meglio) oppure utilizzare solo quelli che ci servono, nella descrizione è comunque segnalato a cosa serve quella determinata opzione e con che grado contribuisce a velocizzare Windows (gradi da 1 a 5).

1. Eliminare tutti i virus (grado 5): questo passaggio è sicuramente da fare, anche se non vogliamo velocizzare il PC. Avere virus sul computer non va mai bene, soprattutto se vogliamo tenere i nostri dati al sicuro, ma anche se non vogliamo che Windows si impalli ogni 2 minuti con richieste di ogni tipo.
Se sfortunatamente abbiamo virus sul computer affrettiamoci a toglierli prima di partire con qualsiasi altra operazione.

2. Togliere icone inutili dal desktop (grado 1): eliminare le icone sul desktop, e dalla barra delle applicazioni, che non servono contribuisce a velocizzare il caricamento soprattutto iniziale del desktop. Anche se può apparire come una cosa inutile, eliminando i collegamenti di troppo si contribuisce a velocizzare leggermente il sistema.

3. Eliminare programmi in funzione (grado 3): grazie a CCleaner è possibile eliminare molti programmi che spesso rallentano l'avvio del computer, oltre che a tenere occupata la CPU inutilmente durante l'utilizzo del PC. Per disattivare l'avvio di questi programmi è possibile sfruttare il tool presente in CCleaner alla voce Strumenti e poi Avvio.

4. Disattivare effetti grafici pesanti (grado 3): dal pannello di controllo, sulle opzioni di sistema si possono disattivare gli effetti grafici che rallentano Windows tramite le impostazioni di sistema avanzate nella sezione "Prestazioni". Da qui è possibile lasciare attivi solo i flag elencati qui sotto, per avere comunque un Windows bello da vedere ma al tempo stesso senza troppi effetti pesanti:
- Attiva Aero Peek
- Attiva composizione del desktop
- Attiva trasparenze effetto cristallo
- Controlli ed elementi animati nelle finestre
- Mostra anteprime anzichè icone
- Mostra contenuto della finestra durante il trascinamento
- Smussa gli angoli dei caratteri dello schermo
- Utilizza ombreggiatura per le etichette delle icone sul desktop
- Utilizzare gli stili di visualizzazione su finestre e pulsanti

5. Avere un'unica partizione (grado 2): molto spesso se compriamo il computer già assemblato o portatile può capitare che il disco fisso sia diviso in due partizioni. Questo perchè è possibile lasciare tutto ciò che riguarda il sistema operativo da una parte, mentre tutti i documenti dall'altra. In questo modo se dovessimo formattare i documenti non verrebbero toccati.
Questa cosa sarebbe anche molto utile, ma se abbiamo un hard disk non troppo grande il sistema operativo dopo un po' rallenta e perde di potenza perchè inevitabilmente andrà a riempirsi con programmi e altro (anche se non completamente).
Se quindi abbiamo un disco fisso di dimensioni non troppo elevate è meglio se uniamo le partizioni in una unica ed è meglio se la trasformiamo anche in NTFS (se magari è in FAT32) tramite l'utilissimo programma Partition Wizard che effettua entrambe le cose.

6. Aggiornare il sistema operativo (grado 1): tenere sempre aggiornato il sistema operativo insieme a programmi e driver può essere molto utile (in certi casi).

7. Effettuare un pulizia completa (grado 4): effettuare una pulizia completa contribuisce enormemente a far tornare veloce il sistema operativo.

8. Deframmentare (grado 4): utilizzare la deframmentazione almeno una volta al mese aiuta molto a tenere efficiente Windows. Quando un sistema operativo è molto frammentato fa fatica a trovare rapidamente tutti file necessari al corretto funzionamento dei programmi, quindi deframmentare spesso l'hard disk rende più rapida ogni operazione, oltre che a tener in buono stato il disco.

9. Sfruttare l'ibernazione (grado 3): quando spegniamo il computer se, al posto di spegnerlo arrestando il sistema, lo mettiamo in ibernazione, quando riaccenderemo poi nuovamente il PC le prime operazioni che faremo risulteranno molto più rapide perchè già caricate.
La differenza tra l'arresto e l'ibernazione è: quanto facciamo "Arresta il sistema" il sistema chiude tutto quanto e poi spegne il PC, quando poi riaccendiamo, il sistema ricarica tutto nuovamente (come ad esempio l'antivirus o gli altri programmi in background); quando invece facciamo "Ibernazione" il sistema salva tutte le app avviate (tutta la RAM quindi) sul disco fisso e poi spegne il computer (non in stand-by, spento fisicamente), quando poi riaccendiamo, il sistema preleva tutto dall'hard disk (quello salvato precedentemente) e lo rimette nella RAM, già tutto pronto, senza bisogno di avviarsi lentamente.
In questo modo l'avvio risulterà molto ma molto più rapido.

10+. Installare più RAM e passare ad un SSD (grado 5): come ultimo suggerimento possiamo dire che aggiungere RAM e sostituire l'hard disk (disco rigido) con uno di ultima generazione SSD (unità a stato solido).
Aggiungendo più RAM ci sarà più spazio per i programmi e più rapidità nell'apertura e chiusura di qualsiasi cosa, mentre passando ad un SSD ci sarà un netto miglioramento nelle prestazioni durante la lettura e il salvataggio dei dati.

Lascia un Commento

Iscriviti al Feed

Ricerca Geek

Ultimi Articoli

Ultime Guide

- © Copyright Portale Geek 2008- © - Template Metrominimalist - Powered by Blogger - Designed by Johanes Djogan -

- Policy Privacy -