Pubblicato il: 21/04/15 | Ricontrollato il:

La rete Internet fa ormai parte della nostra quotidianità, tanto che ne usufruiamo senza pensarci. Accendiamo il computer, lo smartphone, il tablet e siamo automaticamente collegati; talvolta è necessario digitare una password, ma l’operazione è veloce e indolore. L’unico caso in cui ci ricordiamo dell'esistenza della rete e di quanto sia importante per noi è quando questa non funziona o va a singhiozzi, interrompendo il lavoro o l'intrattenimento. Anche chi possiede un abbonamento che permette di navigare tramite rete mobile necessita di connettersi in Wi-Fi ad una rete fissa a banda larga ed è dunque utile capire il livello italiano di diffusione di quest’ultima e quale è la sua effettiva velocità.

Infratel, società del ministero dello Sviluppo economico, attesta che la banda larga più diffusa sul territorio nazionale è quella che arriva a 20 Mbps, giungendo al 96,9% della popolazione. In questo caso la media è poco al di sotto di quella europea del 97%, ma più aumenta la velocità e più il divario fra copertura italiana ed europea si fa sentire. Solo il 22,3% degli italiani giova della copertura fino a 30 Mbps, mentre la media della popolazione europea arriva al 64% e va ancora peggio con la rete fino a 100 Mbps, fruibile dal 2,4% dei nostri connazionali e dal 6% dei cittadini europei.
Sempre Infratel permette di ricevere i dati a livello regionale oppure comunale e di monitorare i progressi dei lavori di copertura (sia ADSL che fibra ottica) nella propria città. I dati sopra riportati risalgono al 2014 e sono in fase di aggiornamento, dunque le percentuali della connettività nazionale sono poco più alte. Gli obiettivi governativi sono comunque rivolti verso l'aumento della banda ultra larga e verso la copertura del 100% delle città italiane interessate dagli investimenti privati.

La strada tracciata va nella direzione dello sviluppo della rete veloce, che renderà possibile ad un'ampia fetta della popolazione l'accesso a servizi altrimenti off limits. Basti pensare alla televisione in streaming e a quei giochi online che richiedono un'interazione veloce e che attualmente non sono fruibili con la banda larga. Ormai la TV in streaming è diventata una forma di intrattenimento ampiamente diffusa nelle aree coperte da banda ultra veloce, che va ben oltre la visione dei film e si attesta sempre di più su programmi TV diffusi in streaming. Sempre più ampia è anche la varietà dei passatempi praticati online e che richiedono una velocità di interazione elevata, assicurata solo da una rete veloce. Ad esempio su William Hill si può giocare a speed poker che come indica la parola stessa implica tempi brevi di gioco e quindi connessioni veloci. Lo stesso discorso vale per i giochi multiplayer online, come gli sparatutto in prima persona o anche i videogame di ruolo che permettono di compiere missioni con amici (come Diablo III), in cui è necessaria una linea veloce e costante per non invalidare la sessione di gioco.

Un futuro con la banda ultra larga permette anche l'Internet of Things (IoT), che non può esistere senza una rete veloce che lo supporti. L'IoT prevede infatti l'interazione con tutto ciò che ci circonda e per farlo si serve di sensori, attuatori, smart code e tag RFID applicati a un qualsiasi oggetto. L'oggetto in questione diventa dunque in grado di ricevere e trasmettere informazioni tramite il web ed è così che il nostro frigorifero ci farà sapere quali cibi stanno scadendo e che il pneumatico della nostra macchina ci dirà che sta per rompersi. Oltre agli oggetti saranno interessati servizi e infrastrutture, ma come ribadisce Fabio Santini, Direttore della Divisione Developer Experience e Evangelism di Microsoft Italia, "Oggi abbiamo linee più veloci a ricevere le informazioni che a mandarle, invece nel mondo dell'IoT sarà molto importante focalizzarci sulla capacità di mandare i dati dai sensori al cloud".

Lascia un Commento

Iscriviti al Feed

Ricerca Geek

Ultimi Articoli

Ultime Guide

- © Copyright Portale Geek 2008- © - Template Metrominimalist - Powered by Blogger - Designed by Johanes Djogan -

- Policy Privacy -