Pubblicato il: 30/04/15 | Ricontrollato il:

È ancora in crescita il settore dell'e-commerce in Italia, ma siamo ancora indietro rispetto ai nostri competitor europei. A rivelarlo è l'ultimo rapporto sul commercio elettronico in Italia elaborato da Casaleggio Associati e presentato recentemente alla Camera di Commercio di Milano. La ricerca e-commerce in Italia 2015 mostra quindi che ancora una volta il nostro paese è indietro in questo ambito, ma che allo stesso tempo ci sono grandi potenzialità e margini di crescita, soprattutto nelle vendite su mobile.

Dopo che per anni l'e-commerce in Italia aveva avuto una crescita percentuale a due cifre, per la prima volta nel 2013 il trend estremamente positivo aveva avuto una battuta d'arresto, assestandosi ad un +6%, mentre nel 2014 si è tornati a salire dell'8%, portando il commercio elettronico ad un fatturato di oltre 24 miliardi di euro. Sembrano cifre altissime, ma in realtà il valore dell'e-commerce italiano è pari a un decimo di quello della Gran Bretagna, che peraltro lo scorso anno ha avuto una percentuale di crescita simile alla nostra: questo significa che in termini assoluti siamo sempre più distanti dai nostri competitor di oltremanica. Se poi allarghiamo ulteriormente l'orizzonte, è prevista per il 2015 una crescita del 20,9% dell'e-commerce mondiale, che dovrebbe raggiungere entro fine anno un valore di 1600 miliardi di dollari.

Per l'Italia, la notizia positiva è che, in un contesto di stagnazione economica, l'e-commerce continua a svilupparsi, più dello scorso anno e avvicinandosi di nuovo a una crescita a doppia cifra. Nel fatturato italiano dell'e-commerce (24,2 miliardi di euro), continuano a dominare i due segmenti più maturi di questo mercato, il turismo e l'intrattenimento online, che rappresentano rispettivamente il 30% e il 49% del valore del fatturato. Il turismo trova infatti online una crescente serie di applicazioni che portano innovazioni nel settore e che coinvolgono sempre di più gli stessi utenti con servizi come ad esempio Airbnb, oltre alle più "tradizionali" agenzie di viaggi online e i motori di ricerca per voli low cost. Nell'intrattenimento online, il 41% del valore è rappresentato dai giochi, dove non mancano le innovazioni come la crescente presenza su mobile. Ad esempio PokerStars è presente su mobile da diversi anni e in tempi più recenti ha lanciato una applicazione social per il gioco gratis, disponibile su iOS e Android.


Il mobile è uno dei trend più interessanti individuati dal report, visto che nel 2014 ha costituito il 13% sul totale dei ricavi derivanti dalle vendite online rispetto all’8,5% del 2013 e al 5% del 2012. Questo è stato possibile sia grazie alla crescente diffusione di smartphone e tablet tra gli utenti italiani, sia perché le stesse aziende hanno investito su questo canale, attraverso siti ottimizzati per mobile e applicazioni. La ricerca riporta una interessante dichiarazione del portale e-commerce vente-privee, secondo il quale il mobile avrebbe in parte colmato il gap nell'utilizzo di internet in Italia e questo canale rappresenta per loro il 45% del fatturato.

Insomma, se per chi vuole vendere online la parola d'ordine è "mobile", l'altro grande trend individuato dal report di Casaleggio Associati è quello dei marketplace (i "centri commerciali online" come Amazon e Ebay) che hanno visto crescere il loro fatturato del 55% rispetto allo scorso anno. Nel complesso rappresentano attualmente il 4% del valore dell'e-commerce in Italia, ma la loro crescita è destinata ad aumentare, visto che in mercati più maturi come quello della Gran Bretagna rappresentano un terzo del fatturato dei prodotti fisici venduti online.

Per quanto riguarda le prospettive future dell'e-commerce italiano, uno dei principali aspetti da tenere conto è la vendita all'estero, che secondo la ricerca rappresenta la principale leva di crescita. In questa ottica, i marketplace possono rappresentare un canale strategico per arrivare su mercati esteri. In generale, il commercio elettronico può rappresentare una ghiotta occasione per le piccole e medie imprese italiane, anche in vista degli obiettivi europei di portare entro il 2020 almeno un terzo delle PMI europee sull’e-commerce.

Lascia un Commento

Iscriviti al Feed

Ricerca Geek

Ultimi Articoli

Ultime Guide

- © Copyright Portale Geek 2008- © - Template Metrominimalist - Powered by Blogger - Designed by Johanes Djogan -

- Policy Privacy -