Pubblicato il: 14/09/17 | Ricontrollato il:


Prima di effettuare qualsiasi operazione di manutenzione per alleggerire Android al massimo, facciamo un attimo di chiarezza sui vari tipi di memoria presenti all'interno di uno smartphone.

La memoria interna viene occupata nel seguente modo:
-Sistema operativo
-Applicazioni installate con dati (memoria ROM)
-File temporanei (memoria cache)
-File utente: documenti, musica, foto e video salvati dall'utente

-Memoria esterna (SD): la memoria esterna (scheda SD) può essere utilizzata per spostare le app e liberare spazio nella memoria interna (ROM). Non tutte le app però possono essere spostate e soprattutto non tutti i dati possono essere spostati nella scheda (come ad esempio i dati di WhatsApp). Inoltre anche tutti i file utente possono essere trasferiti nella memoria esterna (e impostati per essere salvati automaticamente nella SD).

-Infine c'è la memoria RAM. La memoria RAM è la memoria utilizzata dalle app attive. All'interno della RAM ci sono anche tutti i processi di sistema, quindi anche con zero applicazioni aperte sarà già per gran parte occupata.

Ora passiamo a qualche trucchetto per liberare la memoria e alleggerire anche la memoria RAM, per migliorare le prestazioni del nostro smartphone:

1. Usare supporti alternativi per salvare file: la prima cosa da fare è munirsi di una buona scheda SD per spostare tutti i file nella memoria esterna. In alternativa è possibile anche utilizzare sistemi di cloud storage per lasciare su un server remoto tutte le foto, la musica e soprattutto i video.
Successivamente impostiamo che qualsiasi app utilizzi come memoria principale quella esterna, così che, ad esempio la fotocamera, salvi automaticamente ogni foto/video nella scheda SD.

2. Spostare app sulla Scheda SD: moltissime app offrono la possibilità di spostare il pacchetto nella memoria SD. Una volta entrati nella gestione delle app è presente il bottone per spostare l'app sulla scheda SD.
In questo modo l'app verrà trasportata nella memoria esterna, liberando quella interna.

3. Disattivare app inutili: il produttore dello smartphone inserisce alcune app di default, già installate al momento dell'acquisto. Queste ultime vengono anche aggiornate e solitamente gli aggiornamenti le rendono più pesanti (perchè quelle preinstallate inizialmente sono molto più leggere).
Se non ci servono possiamo semplicemente disattivarle, disinstallando anche gli aggiornamenti (sempre dal menu di disinstallazione).

4. Svuotare la cache: svuotare la cache è la cosa più semplice e veloce per recuperare molto spazio, occupato da file temporanei. Dal menu delle impostazioni della memoria dello smartphone è presente direttamente la voce "Dati nella cache". Tappandoci sopra ci verrà chiesto se vogliamo eliminare quei dati. Questi sono solo file temporanei, quindi è possibile eliminarli senza alcun problema.

5. Cancellare dati app: altri dati che invece vengono memorizzati sono i dati app, ovvero tutti i salvataggi delle app (non c'è una voce singola ma il contatore è suddiviso per ogni app).
Questi dati possono contenere foto e video (come per WhatsApp) oppure salvataggi (come per i giochi) oppure ancora semplicemente impostazioni dell'app.
Questi dati NON andrebbero MAI cancellati, almeno che non si voglia ripristinare l'app, e ogni cosa salvata con quell'app, allo stato di prima installazione, se però ci sono app per le quali sappiamo che non abbiamo salvato nulla e che non ci sono impostazioni che perderemmo, e i dati occupano molta memoria (in modo inspiegabile), è possibile eliminarli (raccomando, solo se si è certi che non ci siano dati che potremmo perdere).

6. Utilizzare app lite : per evitare che la RAM, soprattutto negli smartphone più vecchi, venga appesantita dalle app e possibile, quando disponibile, installare versioni più leggere delle app. Per fare alcuni esempi, Facebook ha reso disponibile FB Lite, mentre Opera offre Opera Mini.
In alternativa molti servizi offerti dalle app possono essere raggiunti tramite web, in questo modo non si andrà ad occupare la RAM con processi sempre attivi (anche questo è il caso di Facebook) ma si raggiungeranno direttamente tramite un qualsiasi browser, senza installare l'app (anche se più comoda) e senza appesantire la RAM.

7. Usare launcher alternativi: se il launcher predefinito, ovvero l'app che gestisce l'avvio delle applicazioni, è troppo pesante e rende lo smartphone un po' troppo macchinoso, possiamo sempre scaricarne uno alternativo.
Su Google Play scriviamo "launcher" e scegliamone uno che fa al caso nostro. Potrebbe essere necessario provarne anche più di uno, fino a quando non troviamo quello con lo stile di icone oppure la configurazione della schermata principale che più ci piace, ma poi potremmo godere di un eventuale miglioramento delle prestazioni (scegliamo launcher leggeri, e che occupano non troppo), ed anche di una rinfrescata delle icone e della schermata di avvio.

Lascia un Commento

Iscriviti al Feed

Ricerca Geek

Ultimi Articoli

Ultime Guide

- © Copyright Portale Geek 2008- © - Template Metrominimalist - Powered by Blogger - Designed by Johanes Djogan -

- Policy Privacy -